Gli approcci alle relazioni internazionali .


19 views
Uploaded on:
Description
Gli approcci alle relazioni internazionali. Approccio Realista centralità del problema della sicurezza Status quo hobbesiano Equilibrio di potenza ( balance of power ) Approccio neo-liberale centralità dell’interdipendenza propensione “naturale” alla cooperazione
Transcripts
Slide 1

Gli approcci alle relazioni internazionali Approccio Realista centralità del problema della sicurezza Status quo hobbesiano Equilibrio di potenza ( adjust of force ) Approccio neo-liberale centralità dell\'interdipendenza propensione "naturale" alla cooperazione comune interesse promotion evitare catastrofi

Slide 2

Visioni dell\'ordine internazionale Visione "realista": l\'ordine internazionale è una fabrication; gli stati vivono in una condizione anarchica Visione "pacifista": l\'uso della forza nella costruzione dell\'ordine internazionale non è mai ammesso (a prescindere dalle circostanze) Visione "rivoluzionaria": l\'ordine internazionale oggi possibile è indesiderabile; occorre destabilizzare lo the present state of affairs per ottenere l\'ordine migliore

Slide 3

L\'evoluzione dello situation internazionale dal 1989 an oggi Fino al 1989: contrapposizione fra blocchi (bipolarismo – Balance of force ) Dopo il 1989 non si è avuta l\'occasione di negoziare un nuovo sistema di regole (l\'89 come rivoluzione "pacifica") Si è avuto un allargamento dell\'area democratica (senza contrapposizione conflittuale con quelli restati "fuori") Si è verificato un avvicinamento alle istituzioni regolatrici del contesto occidentale (allargamento UE e N.A.T.O.; ingresso di alcuni paesi nella W.T.O. ecc.)

Slide 4

L\'evoluzione dello situation internazionale dal 1989 an oggi Alcuni interventi: Desert Storm (1991) coalizione guidata dagli USA e secondo la procedura dell\'intervento per difesa di uno stato offeso (Capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite) Somalia (1993) operazione dell\'ONU a carattere umanitario con contingente USA indipendente e mandato di peace implementation

Slide 5

L\'evoluzione dello situation internazionale dal 1989 an oggi Bosnia (1992-1995) sette missioni sotto egida ONU, seguite da intervento della N.A.T.O. Kosovo (1999) intervento della N.A.T.O. dopo la latitanza dei paesi europei confinanti, con successivo intervento degli USA (e legittimazione post hoc dell\'ONU) ► cresce il ruolo di peace guardian dell\'ONU

Slide 6

L\'evoluzione dello situation internazionale dal 1989 an oggi 11 settembre (Twin Towers) Casus belli Cornice "multilaterale" Uso legittimo della forza (connivenza del administration talebano con Al Qaeda) Enduring Freedom : truppe di 20 stati diversi, successivo peace keeping e (agosto 2003) comando N.A.T.O.

Slide 7

L\'evoluzione dello situation internazionale dal 1989 an oggi Guerra in Irak (2003) Cambia l\'impronta e l\'indirizzo della politica estera Yankee folklore: Rifiuto di una cornice "multilaterale" Avvio di una strategia di potenza "unilaterale" attraverso l\'uso preventivo della forza (dottrina Rumsfeld)

Slide 8

L\'evoluzione dello situation internazionale dal 1989 an oggi La vittoria di Barack Obama Il cambio di orientamento in politica estera L\'apertura verso il mondo musulmano Uso dello Smart Power (potere intelligente) : diversi strumenti economici, culturali, legali, diplomatici, militari (Wilson, Roosevelt, Truman e Kennedy) Diverso atteggiamento in Irak ( exitstrat 2011) Continua la guerra in Afghanistan (inizio ritiro 2013)

Slide 9

L\'evoluzione dello situation internazionale dal 1989 an oggi Mission and Manifest Destinity: lotta per l\'affermazione della democrazia Fra Jackson e Wilson … fino ai Reagan Democrats di B. Clinton In contrasto con i possibili principi di legittimazione della "guerra giusta" Smart and Soft Power

Slide 10

Le caratteristiche dell\'UE I tre principali approcci: Intergovernativo: accordi fra governi degli stati Sovranazionale: una country federata che prende decisioni autonome Multidimensionale: una commonwealth stratificata, multilivello e multiagenzia

Slide 11

Le trasformazioni del sistema internazionale dopo la seconda guerra mondiale Organizzazioni internazionali globali e regionali Blocco comunista Patto di Varsavia Comecon ecc. Blocco occidentale Nato e organizzazioni economiche Sviluppo di attori non governativi

Slide 12

Le Istituzioni dell\'Unione europea Consiglio dei ministri Consiglio europeo Commissione Rappresenta i governi nazionali Parlamento europeo Fiducia Corte di giustizia Legittimazione diretta Comitato economico e sociale Comitato delle regioni Banca centrale europea Banca europea investimenti Corte dei conti

Slide 13

Politica e politiche dell\'Europa unita Piena sostituzione (mercato agricolo, moneta) Livello di arrangement Affiancamento (telecomunicazioni, bilancio, welfare,… ) Politiche in ritardo di coordinamento (bilancio, difesa e sicurezza) Convitati europei in sede istituzionale: modello bicefalo fra Commissione e Consiglio Livello di legislative issues Crescente attenzione verso i partiti europei: un sistema dei partiti in by means of di formazione Abbattimento delle frontiere Livello di country Nuovi simboli (la bandiera… l\'identità) La moneta unica … Euro e Dollaro

Slide 14

Verso un\'Unione Europea protagonista Politica estera e di sicurezza Cellula di difesa dell\'UE (Moms), rapporti con la N.A.T.O. Oltre il "dualismo" fra Alto Rappresentante per la Politica estera e Commissario per gli Affari esteri … il Ministro degli Esteri dell\'UE (VicePresidente Commissione) Il seggio UE alle Nazioni Unite

Slide 15

Verso un\'Unione Europea protagonista Il ruolo delle "cooperazioni rafforzate" Una politica economica, finanziaria e di bilancio dell\'Unione Banca Centrale e Bilancio dell\'UE Euro e region di flu monetaria (il confronto commerciale con gli USA, il confronto monetario con il Dollaro)

Slide 16

Una dinamica di integrazione spontanea e incrementale Spillover … Funzionale: dall\'integrazione economica verso la necessità di integrazione politica (allargamento) Politico: dalle decisioni a livello statale alle decisioni a livello sovranazionale

Slide 17

I tre pilastri dell\'Unione Europea Primo pilastro : integrazione economica , le comunità che hanno fatto la storia europea: CEE (Trattato di Roma, 1957) EURATOM (Trattato di Roma, 1957) CECA (Trattato di Parigi, 1951) UE: Atto Unico Europeo (Lux 1986) Trattato Comunità Europea (Amsterdam, 1997), Euro (1992) IL MODELLO SOVRANAZIONALE

Slide 18

I tre pilastri dell\'Unione Europea Secondo pilastro : politica estera e di sicurezza comune , oltre la NATO, l\'Alto Commissario per la Politica estera … Terzo pilastro : cooperazione giudiziaria e di polizia , Europol, Archivi di polizia comuni … IL MODELLO INTERGOVERNATIVO

Slide 19

L\'approccio multidimensionale UE manca di alcuni attributi dello stato weberiano: monopolio della forza, potere di imposizione fiscale, sistema giudiziario efficace e unitario UE detiene molti poteri tipici dello stato nazionale: regolazione dei mercati e della moneta, attuazione di politiche pubbliche, gestione di un bilancio, la fissazione delle elezioni

Slide 20

L\'approccio multidimensionale Un sistema di administration su più livelli: region, regionale, nazionale, sovranazionale Attori governativi e agenzie non governative Regolazione anziché comando: ricorso a strumenti di coordinamento ( benchmarking , peer audit , arrangement learning, open coordination )

Slide 21

Le caratteristiche del sistema politico Natura mista: federale e confederale Consiglio : una sorta di Camera degli stati (rappresentanti governi nazionali) Commissione : organo esecutivo (controllo attuazione decisioni del consiglio e primato nel procedimento legislativo) Parlamento : veto control in alcune aree della legislazione

Slide 22

Il processo legislativo Commissione : formulazione di proposta di legge Invio al Parlamento (potere emendativo) Consiglio discute la proposta dopo il Parlamento CONSULTAZIONE: adozione della legge con voto unanime o MQ ( prima proc. Standard ) COOPERAZIONE: adozione di posizione comune con occasion. Emendam.ti a MQ ( UEMonetaria ) CODECISIONE: adozione di PC con occasion. Emendam.ti a MQ ( assorted basi giuridiche )

Slide 23

Il processo legislativo CONSULTAZIONE Proposta Commissione inviata a Consiglio e Parlamento Dibattito nel Consiglio Raccolta opinioni (Comitato regioni e Comitato economico sociale) Decisione del Consiglio Emendamenti della Commissione Decisione del Consiglio

Slide 24

Il processo legislativo COOPERAZIONE Proposta Commissione inviata al Consiglio e al Parlamento Raccolta opinioni (Comitato regioni e Comitato economico sociale, Parlamento in 1° lettura) Adozione "posizione comune" del Consiglio a MQ Esame del Parlamento in 2° lettura

Slide 25

Il processo legislativo SE Parlamento approva il Consiglio approva SE Parlamento boccia, il Consiglio supera a maggioranza assoluta SE il Parlamento propone emendamenti A MQ il Consiglio approva e adotta Il Consiglio boccia (Com. conciliazione) Se c\'è accordo la decisione è adottata Se non c\'è accordo, il Consiglio a maggioranza assoluta conferma la "posizione comune"

Slide 26

Il processo legislativo CODECISIONE si torna in Parlamento SE ci sono emendamenti di EurParl che il Consiglio respinge Si riparte dalla "posizione comune" Esame del Parlamento in 2° lettura Il Parlamento non adotta/adotta Il Parlamento propone emendamenti 2.1 Il Consiglio adotta emendamenti e approva 2.2 Il Consiglio non adotta emendamenti … 3. Si forma il Comitato di conciliazione 3.1 Disaccordo, thus atto non adottato 3.2 Accordo: EurParl e Consiglio approvano/non approvano

Recommended
View more...